Murano

Murano

Non potete esimervi da una visita all'isola di Murano, nota per la sua ricca e raffinata produzione di vetro soffiato, ma non solo, per i palazzi trecenteschi e le belle chiese.

Murano,come Venezia, è divisa in due da un Canal Grande, da rii e ponti di collegamento che uniscono le due sponde di terra. Nel vostro tour vi consigliamo di visitare la Chiesa di S.Donato ed entrare in una delle fabbriche della lavorazione del vetro, per godere della magia del veder realizzato dal nulla anche un piccolo oggetto. 

L'origine della lavorazione del vetro risale ai tempi primordiali della Venethia Pre Romana e Romana, quando le nelle nostre lagune e soprattutto nel porto di Torricellum (Torcello) approdavano navi Fenici, per mercanteggiare le preziose tessere musive. Nel periodo dell'Impero Romano, ci fu una grande influenza di Bisanzio e degli artigiani locali che introdussero i segreti della lavorazione dell'arte musiva, con le bellissime tessere colorate.

Nel 1290 si sviluppo l'arte vetraria, molto ricercata fin dai tempi remoti, diventando una delle attività commerciali che resero Venezia famosa in tutta Europa. Nel 1295, a causa del propagarsi di continui incendi, fu deciso che le fabbriche del vetro, che fino a quel momento si trovavano a Venezia, venissero spostate definitivamente nell'isola di Murano.

Fu cosi che l'isola diventò da quel momento la rappresentante del vetro artistico soffiato, conosciuto in tutto l mondo.

Murano anticamente era denominata AMMURANIUM,  da una delle sei porte che componevano l'entrata dell'antica citta di Altino e dove gli abitanti si rifugiarono dalle invasioni barbariche nel 452.

Roberta Michieletto