Piccola guida allo shopping veneziano

Piccola guida allo shopping veneziano

orefici, battioro, fabbri, falegnami, carpentieri, panettieri, lavoratori di vetro, e ricamatrici di merletti etc. I nomi infatti delle calli ricordano il grande fermento commerciale dell epoca, come calle dei oresi, la naransaria, calle dei botteri e dei stagnerii.Oggigiorno in città le attività di artigianato Veneziano o gestite da Veneziani, sono rimaste ben poche e vorrei dedicare un articolo agli ultimi Veneziani e alle loro attività.

Ecco la piccola guida allo shopping veneziano :

partiamo dal cuore della città, Rialto, dalla parte del campo S.Bortolomeo, imboccate la strada piu trafficata di Venezia, le Mercerie e a pochi metri sulla sinistra sarete in Calle dei Stagneri; qui troverete un piccolo angolo tutto veneziano ed il vero made in Italy; per la donna la boutique "4Quattro" dal raffinato e ricercato abbigliamento e scarpe originali, a seguire la "Boutique Britishness", un eccellelente made in Italy da uomo, dalla linea classico/casual, poi la storicissima oreficeria "Bastianello", il negozio "Beershop, uno dei primi negozi di rivendita di birre locali; da segnalare la birra Toto', poco alcolica a base di carciofo violetto dell'isola di Sant' Erasmo ed il Ristorante "Al Calice", specializzati in cucina tipica veneziana. Insomma un tranquillo angolo dove fare shopping di qualità e soffermarsi per un ottimo piatto veneziano.

Restando in tema di cibo ed in zona, da S.Bortolomeo, imboccando la calle del Fodaco dei Tedeschi e proseguendo per la Calle di S.Giovanni Grisostomo, al n°5778, troverete uno dei pastifici piu storici e noti in citta, "Pastificio Rizzo". Qui viene realizzata ogni giorno pasta fresca, tortelloni e gnocchi, nonchè vengono venduti prodotti di alta qualità, per una cucina dal palato raffinato ed internazionale. Ottimo per regali culinari, tra cui la pasta confezionata firmata Rizzo. 

Ritorniamo a S.Bartolomeo e da qui ci dirigiamo verso il mercato per inoltrarci nel sestiere di S.Polo e Sta Croce.

Area Rialto, sotto i portici tra le mille bancarelle di souvenirs, si possono trovare un paio di negozi dove vale la pena soffermarsi, uno di questi è sicuramente quello di pantofole friulane; tipiche scarpette di "arlecchino" in velluto di tutti i colori, eleganti ed originarie di Venezia. Dietro l'Arsenale esisteva un quartiere fino i primi del '900, detto delle furlane (donne originarie della regione Friuli), che qui si riunivano sedute all'aperto a cucire le scarpette in velluto.

Superato il mercato a fine della calle dei Botteri (qui venivano realizzate le botti), c è un piccolo negozio dal sapore....bizantino, che ricorda le botteghe di quando i Veneziani mercanteggiavano con l'Oriente. Il negozio è gestito da una signora di Murano e qui troverete tappeti, cuscini, bigiotteria, lampade tutto di artigianato originale Marocchino. Sempre in calle troviamo al civico 1567 uno storico fruttivendolo, presente nella lista della Regione tra i locali storici della città. Oltre alla fresca verdura delle nostre isole, viene venduta anche una piccola fornitura di vini e prodotti alimentari di qualità.

Proseguite per il campo S.Cassiano, all'angolo c è un bel negozio di fiori La Dogaressa. Professionisti nella realizzazione di creative ed originali composizioni floreali. Difronte invece c è una cartoleria/giocattoli "La Cartoleria S.Cassiano" che con la storica esperienza, hanno fatto e tuttora fanno felici generazioni di bambini. Proseguendo verso calle della Regina troviamo all'angolo, uno dei più storici forni della città. Passate la mattina ed assaggiate " le struzze" appena sfornate e calde, un pane croccante e profumato. Proseguite per il Campo S.M.Mater Domini, un piccolo caratteristico campo con le facciate quattrocentesche. Nota: su una di queste facciate potete notare delle decorazioni dal simboli mediorientali, dette "patere". Girate a sinistra,all'angolo c è un orefice di lunga tradizione e a metà delle Calle Longa, troverete "Il Sogno" un negozio specializzato in vetri e bijoux degli anni '20 e '40. Preziose le maniglie di vetro che decoravano le porte dei palazzi veneziani. Da qui seguono un paio di botteghe di artigianato locale, di rilegatura e di lavorazione del ferro. Al n° 2137 di Calle Longa, c'è un elegante negozio di fiori ed oggettistica di design per la casa, di recente apertura, che si chiama "Bottega 2137" . Passata una stretta calletta ed uno dei tanti ponti storti, proseguiamo diritti e subito a destra troverete una raffinata gioielleria, gestita da due veneziani che sono anche i creatori di modelli di originale design. Girando a sinistra c è una delle ultime mercerie ferma nel tempo, dall'arredo, alla gestione, questa bottega  è rimasta invariata dagli anni '60. 

Roberta Michieletto

 

​​​​

 

 

di Dario Beltrame